Symfony live 2012 – giorno 2

Il secondo giorno inizia con un talk in track unica di David Zuelke. Purtroppo si tratta ancora di Designing HTTP interfaces and RESTful web services. Il titolo vi dice qualcosa? Se avete partecipato almeno a una conferenza su PHP nell’ultimo lustro, c’è una buona probabilità che l’abbiate già visto.
Purtroppo la presenza di tre track, invece delle due di ieri, ci consentirà una copertura inferiore dell’evento.


Il talk in francese di William Durand su Propel2 ha evidenziato lo stato attuale di questo ORM, che sta cercando di recuperare la strada perduta rispetto a Doctrine. La buona notizia è che Propel2 sarà un refactoring della versione 1.6, quindi con le stesse funzionalità. Rispetto alla vecchia versione, ci sono numerosi miglioramenti: supporto solo da PHP 5.3.3, coding standard rivisto, aderenza a PSR-0 (Propel2 è nel FIG), componenti di Symfony2 al posto di phing (ma non solo), adapter per poter non usare PDO, supporto ai traits su 5.4.


Gli onnipresenti Stof e Lukas hanno tenuto un talk sui bundle. Dopo una breve introduzione su cosa sono i bundle e su dove sia possibile trovarli (ovviamente su knpbundles!), hanno mostrato una carrellata di best practice per crearne di nuovi: struttura delle cartelle, licenza (meglio MIT), configurazione del DIC, uso di composer, scrittura di test, interazione con travis, ovverride di controllori, gestione di bugfix e di pull request su github. Infine, hanno mostrato alcuni dei bundle più famosi e più usati (molti dei quali scritti da loro stessi), come fosuser, fosrest, stofdoctrineextension, knpmenu, liipimagine, eccetera.


Larry Garfield ha tenuto un talk sulla situazione di Drupal e sull’integrazione prevista in Drupal 8 di diversi componenti di Symfony. Ha riconosciuto e messo in evidenza i limiti di questo popolare CMS, dovuti secondo lui soprattutto al fatto che è un progetto partito oltre un decennio fa. Ha poi esposto tutti i miglioramenti in vista per Drupal, sia relativamente a come saranno integrati i componenti, sia alle pratiche di svilippo e di gestione del progetto.


Purtroppo ho dovuto saltare uno slot, per presentare un lighting talk nell’unconference.
In chiusura, David Buchmann, già speaker al phpDay, ha parlato di Symfony2 e agile. Dopo una non breve introduzione all’agile, ha evidenziato come Symfony si adatti bene a chi voglia seguire le pratiche agili: modularità, separazione (grazie al DIC), testabilità, possibilità di sviluppare codice che sia a sua volta modulare (per esempio usando i controllori come servizi). A seguire, diversi consigli su come scrivere i test e quali bundle possono aiutare (per esempio JMSCommandBundle e LiipFunctionalTestBundle). Non poteva mancare l’invio all’utilizzo di travis.


Per completezza, nei track non coperti qui si è parlato di: Service Container, ORM e prestazioni, PHPCR, Redis, Behat, Solr, CMF, un case study su Overblog, sysadmin skills, PostgreSQL, websockets.
Purtroppo è mancato un intervento conclusivo: dopo le ultime sessioni, ci sono stati dei lighting talk in track principale, poco convincenti, anche se a dire il vero sono andato via prima che finissero.

In conclusione: un evento sicuramente migliorato rispetto allo scorso anno (due difetti evidenti, cibo e connessione, sono stati risolti una volta per tutte), ma che non dà ancora l’impressione di essere ai livelli di due anni fa. Speriamo nel 2013.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *