Symfony 1.1.2 è stato rilasciato

Siamo giunti alla seconda sub-release di symfony 1.1: nessuna novità è stata introdotta (per il nuovo routing sub-framework bisognerà aspettare la versione 1.2) ma sono stati corretti parecchi bug.

Particolare attenzione è stata riservata al sub-framework di gestione dei form, risolvendo molti problemi riguardanti Validator e Widget. Sono stati corretti anche alcuni bug riguardanti la sandbox (che ora è aggiornata a questa release).

Il blog ufficiale del progetto riporta un sommario con le modifiche più importanti mentre l’elenco completo è consultabile qui.

Se usate PEAR, l’upgrade è come al solito molto semplice:

$ pear upgrade symfony/symfony-1.1.2

Symfony 2.0 – Dependency injection e nuove funzionalità

La “Dependency Injection” si ha quando i componenti ricevono le proprie dipendenze dai loro costruttori, metodi o direttamente dai loro attributi.

Al symfony camp, ho assistito alla presentazione della versione 2.0 di symfony, fatta da Fabien, e sono rimasto veramente impressionato.

  • Symfony 2.0 sarà un evoluzione di symfony 1.0 non una rivoluzione;
  • Molte modifiche fatte nella release 1.1 e 1.2 sono state fatte per supportare la release 2.0;
  • Il disaccoppiamento delle classi fatto nella 1.1 è stato fatto per supportare symfony 2.0;
  • Ci sarà sicuramente un symfony 1.3;
  • La maggior parte dei componenti già scritti resteranno tali;

Ma le vere novità saranno:

  • Un “Dependency injection container” che implementa il patter della “Dependecy Injection” per risolvere la dipendenza tra le classi, poter caricare solo i componenti che si vogliono usare, descrivere la relazione tra i componenti, testarli in maniera più semplice ed efficente e riusarli con molta più semplicità.
  • La creazione di un template layer, per separare veramente la parte di presentazione e poter utilizzare il template engine più consono alle singole esigenze.
  • La creazione di un controller layer sotto forma di servizio.